Lacy Leadership

Success is Near

Come comunicare con i Millennials: 4 Regole per fornire feedback costruttivi

Contrariamente alla credenza popolare, i millennials non si scioglieranno di fronte alle critiche costruttive. Quando vengono consegnati pensieroso, millennials hanno la capacità di vedere il feedback per il dono che è — ma la chiave è sapere come comunicare con millennials tatto quando le loro prestazioni non ha colpito i vostri standard. Ti chiedi come […]
Come comunicare con i Millennials: 4 Regole per fornire feedback costruttivi

Contrariamente alla credenza popolare, i millennials non si scioglieranno di fronte alle critiche costruttive. Quando vengono consegnati pensieroso, millennials hanno la capacità di vedere il feedback per il dono che è — ma la chiave è sapere come comunicare con millennials tatto quando le loro prestazioni non ha colpito i vostri standard.

Ti chiedi come comunicare con i millennials sul feedback costruttivo? Abbiamo 4 regole chiave.
Ti chiedi come comunicare con i millennials sul feedback costruttivo? Abbiamo 4 regole chiave.

Che sia rivolto ai millennial o meno, fornire un feedback veramente costruttivo è un’abilità delicata che non viene naturalmente alla maggior parte. Considerando alcuni pilastri della comunicazione produttiva in combinazione con alcune delle aspettative chiave sul posto di lavoro dei millennial, puoi imparare come comunicare con i millennial in modo efficace anche nelle situazioni più difficili.

Questo articolo ti aiuterà a capire come trasformare la consegna di feedback negativi ai millennial in un’esperienza positiva.

Cosa c’è da sapere sui Millennials

La letteratura sui millennials è profonda, dettagliata e apparentemente infinita. Essendo la generazione più diversificata fino ad oggi, questo gruppo è caratterizzato da un complesso insieme di dinamiche che includono la loro giusta quota di contraddizioni. Mentre ci muoviamo attraverso la nostra discussione su come comunicare con i millennial, tieni presente che stiamo parlando in generale. Dei 73 milioni di persone che appartengono alla generazione millenaria, ci sono molte eccezioni alle regole. Tuttavia, il gruppo tende fortemente verso determinate caratteristiche definitive.

Sapere meglio chi sono ti aiuterà a capire come comunicare con i millennial.
Sapere meglio chi sono ti aiuterà a capire come comunicare con i millennial.

Comprendere i millennial è un compito quasi impossibile, e certamente non possono essere catturati nell’arco di un paio di paragrafi. Tuttavia, per contestualizzare la discussione che ne deriverà su come comunicare con i millennial, è fondamentale affrontare alcune caratteristiche che definiscono la generazione per aiutare a informare la tua comprensione.

I Millennial sono sensibili (e non è una brutta cosa)

Altre generazioni lo significano come un insulto: i millennial sono fiocchi di neve. Tuttavia, uno sguardo più attento alle qualità che ispirano altre generazioni a paragonare i millennial a un pezzo di ghiaccio che si scioglie rivela che l’affermazione non è così negativa dopo tutto.

È vero che i millennial sono sensibili — ma contenuti in questo termine ampio sono livelli più alti di empatia e compassione, una pronta volontà di parlare della qualità delle esperienze (buone e cattive) e una riverenza senza precedenti per l’intelligenza emotiva. È possibile tratti come questi potrebbero essere punti di forza, non di debolezza?

La risposta è un clamoroso “sì.”

Imparare a comunicare con i millennial può aiutare i leader a sviluppare più rispetto per l'intelligenza emotiva.
Imparare a comunicare con i millennial può aiutare i leader a sviluppare più rispetto per l’intelligenza emotiva.

Poiché ai millennial è stato insegnato (da altre generazioni, non meno) a valorizzare le informazioni emotive tanto quanto i fatti e la logica, portano una nuova serie di aspettative alla comunicazione sul posto di lavoro. I Millennial sono ben consapevoli del danno inflitto dalla gestione tossica. Sono giustamente diffidenti nei confronti dei rischi, tra cui il burnout e le prestazioni compromesse che si presentano in ambienti di lavoro non supportati.

La sensibilità dei Millennials potrebbe essere più accuratamente caratterizzata come una bassa tolleranza per l’ingiustizia, la mancanza di rispetto e l’ostilità. Quindi, se imparare a comunicare con i millennial comporta un drastico ripensamento del tuo approccio alla leadership, questa rivalutazione è quasi certamente in ritardo e nell’interesse sia tuo che dei tuoi dipendenti.

È diventato sempre più evidente che la sensibilità millennials sono stati così frequentemente criticato per potrebbe effettivamente essere la loro più grande forza. Soprattutto quando si impara a comunicare con i millennial (e le altre generazioni), la sensibilità incoraggia soluzioni più salutari per tutte le parti coinvolte.

I Millennials hanno fame di crescita professionale

Un’altra qualità chiave da capire sui millennials è il loro desiderio di salire la scala metaforica. Tengono un occhio costante per le opportunità di crescita professionale.

Questa caratteristica può essere intesa al meglio come conseguenza del loro rapporto con la tecnologia. I millennials più giovani sono stati introdotti a sms e piattaforme sociali prima che fossero adolescenti, e quelli più vecchi porto solo ricordi sfocati dei giorni prima della comunicazione costante, quando il mondo era marcatamente meno trasparente.

 I Millennial si confrontano costantemente con i loro coetanei.
I Millennial si confrontano costantemente con i loro coetanei.

Il mondo come i millennial lo hanno conosciuto per la maggior parte della loro vita è pieno di confronti sociali. Dai coetanei che pubblicano i loro ultimi risultati su LinkedIn, alla concorrenza implicita nei conteggi dei Mi piace e dei follower, i millennial misurano le proprie realizzazioni contro quelle dei loro coetanei senza pensarci due volte.

Di conseguenza, i millennial sentono una pressione costante per tenere il passo. Per fortuna, questo desiderio di migliorare può essere sfruttato strategicamente come un vantaggio quando i leader imparano a comunicare in modo costruttivo con i millennial.

I millennial hanno bisogno di feedback frequenti

Se i millennial sono affamati di crescita professionale, sono decisamente affamati di feedback. E simile al desiderio precedente, la brama apparentemente insaziabile dei millennials per il feedback è in gran parte una risposta alla tecnologia.

 Anche se millennials bramano feedback, molti leader ancora non sanno come comunicare con millennials circa feedback costruttivo.
Anche se millennials bramano feedback, molti leader ancora non sanno come comunicare con millennials circa feedback costruttivo.

Quando i primi iPhone e altri smartphone hanno colpito il mercato commerciale, i millennial più vecchi si stavano diplomando al college e i millennial più giovani alla scuola elementare. Il gruppo non ha mai conosciuto l’età adulta senza Internet in tasca. Chiamano e testo chiunque, ogni volta; vedere ciò che le persone in tutto il mondo stanno facendo in tempo reale, e hanno una rete di seguaci che si impegnano con i loro contenuti in meri momenti di condivisione.

In breve, il flusso quasi costante di feedback supportato da Internet è diventato un rumore di fondo per i millennial. Oltre a ciò, la generazione è arrivata a fare affidamento su questi dati ricchi e crowd-sourced per guidare ogni loro mossa.

Indipendentemente dal fatto che tu stia fornendo feedback costruttivi o gratuiti, è fondamentale comprendere le aspettative di questa generazione sulla frequenza per determinare come comunicare con i millennial nel modo più efficace.

I millennial vedono se stessi e le altre generazioni come uguali

Infine, chiunque cerchi una comunicazione senza attriti con i millennial deve capire che i membri di questa generazione si considerano uguali, indipendentemente dall’anzianità relativa dei loro colleghi, dal livello di istruzione o da altri risultati distintivi.

Capire che si vedono come uguali è la chiave per sapere come comunicare con i millennial.
Capire che si vedono come uguali è la chiave per sapere come comunicare con i millennial.

C’è una considerevole coorte di baby boomer e Gen Xer che lavorano al fianco dei millennial che trovano questa la caratteristica più irritante della generazione. La loro aria di equivalenza può essere interpretata come un segno di diritto o un’immagine di sé gonfiata-a volte correttamente. Ma fino a prova contraria, è meglio che i membri di altre generazioni diano ai millennial il beneficio del dubbio e assumano di avere buone intenzioni.

Questa ipotesi di equivalenza è parzialmente radicata nel fatto che i millennial, come generazione, portano un set di abilità unico al lavoro — e lo sanno. Sono fluenti nella tecnologia in un modo che le generazioni precedenti (tutte non native della parola digitale) non lo sono. Le raccomandazioni dei Millennials in questa arena spesso mirano a una maggiore efficienza organizzativa e si aspettano di essere prese sul serio per la fluidità tecnologica che portano in tavola. Nella maggior parte dei casi, anche la visione del mondo tech-savvy dei millennial più giovani può informare suggerimenti estremamente utili sul posto di lavoro.

In molti casi, i millennial vogliono semplicemente ricevere lo stesso grado di rispetto e responsabilità di tutti gli altri — un’aspettativa che può, ancora una volta, rivelarsi un vantaggio per i leader che imparano a comunicare con i millennial su feedback meno che gratuiti.

Come comunicare con i Millennial sul feedback costruttivo

Quando arriva il momento di fornire un feedback costruttivo ai millennial — e inevitabilmente lo farà — lascia che le caratteristiche discusse sopra informino il tuo approccio per renderlo più vantaggioso sia per te che per i millennial sul lato ricevente.

I vantaggi di trasformare un feedback costruttivo in un’esperienza positiva vanno ben oltre il risparmio dei sentimenti dei millennial. Il meglio si capisce come comunicare con millennials pensieroso, il più ricettivo saranno al contenuto che si sta trasmettendo.

Tieni a mente queste quattro linee guida per assicurarti che il tuo feedback costruttivo rimanga utile quando comunichi con i millennial.

Focus sui potenziali benefici personali

Questa raccomandazione si ricollega direttamente alla brama dei millennial per lo sviluppo professionale. Se i millennial pensano che stai abbattendo il loro duro lavoro, il feedback incorniciato negativamente attiverà i loro meccanismi di difesa. Un feedback negativo consegnato in modo improprio può essere una minaccia per chiunque, ma soprattutto per una generazione così in sintonia con le conseguenze della comunicazione tossica.

Invece, frame feedback come contributo diretto allo sviluppo professionale dei millennials.

Comprendere l'ambizione dei millennials è la chiave per informare su come comunicare con i millennials.
Comprendere l’ambizione dei millennials è la chiave per informare su come comunicare con i millennials.

Se hai rapporti diretti millenari, preparati come mentore impegnato a sostenere il loro sviluppo professionale il primo giorno. Chiedete ai vostri dipendenti millennials circa i loro obiettivi di carriera, e dimostrare che siete lì per sostenerli in tutti i modi è possibile — se questo significa indirizzarli verso risorse educative o invitandoli a collaborare su iniziative in linea con i loro obiettivi.

Una volta impostato questo precedente, capire come comunicare con i millennial sul feedback costruttivo diventa semplice come riformulare le tue raccomandazioni per il miglioramento come un atto di supporto nel loro percorso professionale.

Quando fornisci un feedback costruttivo, dì al destinatario che pensi che avrebbe ancora più successo nei ruoli attuali e futuri se implementasse qualsiasi cambiamento comportamentale che stai raccomandando. Presentare un feedback costruttivo non come un insulto, ma come il prossimo passo verso il successo. Se lo fai, i tuoi dipendenti millenari hanno maggiori probabilità di interiorizzare questo feedback e apportare modifiche in avanti.

Livello con loro

Dato che i millennial si vedono come attori indiscutibilmente uguali nella forza lavoro, può essere utile affrontare il feedback negativo come una conversazione tra due colleghi su un terreno pianeggiante.

Ti chiedi come comunicare con i millennial? Livello con loro.
Ti chiedi come comunicare con i millennials? Livello con loro.

Se sei preoccupato di come comunicare con i millennial in un modo che li incoraggi a rimanere aperti ai tuoi suggerimenti, considera l’utilizzo di una linea introduttiva all’effetto di “Ascolta, sarò franco con te sulla tua performance perché ti vedo come un collega su parr con me stesso e confido che tu possa gestire questo feedback.”

L’utilizzo di questa strategia incornicia il feedback — non importa quanto negativo-come un atto di rispetto. Inoltre, mette il tuo dipendente millenario in una posizione in cui essere ricettivi a qualsiasi feedback segue afferma la loro reputazione come un pari rispettabile e livellato-e confutandolo può farti ripensare alla tua valutazione iniziale.

Fornire chiare aspettative per il futuro

Le persone sperimentano il più forte senso di rammarico quando sentono che non avranno mai una seconda possibilità di correggere un errore. Questa sensazione blocca quell’individuo nella ruminazione, senza il conforto di una via produttiva in avanti. Una chiave importante per sapere come comunicare con millennials – o chiunque, per quella materia-in un modo che è favorevole al miglioramento futuro è quello di evitare di incitare sentimenti di rammarico.

Come puoi farlo?

 Parte di imparare a comunicare con i millennial sta imparando a mitigare il rimpianto.
Parte di imparare a comunicare con i millennial sta imparando a mitigare il rimpianto.

Se hai una conversazione con un dipendente millenario su come migliorare le loro prestazioni, assicurati che la discussione termini con linee guida attuabili per procedere in modo più efficace in futuro. Essere il più chiaro e specifico possibile, e sottolineare che si sta dando il destinatario questo feedback ora perché saranno presentati con molte opportunità di agire in modo diverso lungo la strada. Sottolinea che non vedi l’ora di vederli farlo.

Terminando la conversazione su una nota orientata al futuro, attenuerai i sentimenti di rimpianto. Di conseguenza, il tuo dipendente millenario è più propenso a concettualizzare l’interazione come una conversazione sui progressi, piuttosto che sugli errori.

Bilancia il feedback costruttivo con il riconoscimento positivo

Se hai provato a saziare la brama dei millennials di feedback con nient’altro che critiche costruttive, il loro morale si logorerebbe nel giro di poche settimane (nella migliore delle ipotesi). Sebbene ci sia un tempo e un luogo per migliorare le prestazioni attraverso un feedback costruttivo, una delle strategie più efficaci approvate dai leader che sanno come comunicare con i millennial sta praticando frequenti riconoscimenti positivi.

 Il feedback costruttivo non deve essere un'esperienza negativa.
Il feedback costruttivo non deve essere un’esperienza negativa.

Il riconoscimento dei dipendenti aumenta tutto, dal morale e la fidelizzazione dei dipendenti alla produttività e al coinvolgimento. Millennials soprattutto vogliono ricevere il riconoscimento spesso e in tempo reale. Il modo migliore per saldamente ingrain questa pratica nella vostra cultura aziendale è attraverso un programma di riconoscimento formale dei dipendenti. Il giusto software di riconoscimento dei dipendenti manterrà il tuo programma semplificato (che rimuove le barriere logistiche al riconoscimento frequente) e allineato con le principali iniziative aziendali (che conferiscono al programma un valore strategico oltre ai suoi benefici di benessere).

Quando i dipendenti sanno tutte le cose che stanno facendo bene, è molto più facile sentire parlare delle cose che stanno facendo male. Un fiorente programma di riconoscimento faciliterà la sfida di determinare come comunicare con i millennial sul feedback costruttivo ammortizzandolo con abbondanti e compensanti positivi.

Il feedback costruttivo può essere un’opportunità di crescita

Con questi suggerimenti nel tuo arsenale, sei ben equipaggiato per fornire feedback negativi ai dipendenti millennial. Mentre non c’è alcuna garanzia che il processo andrà sempre senza intoppi, queste linee guida renderanno sicuramente l’esperienza di fornire feedback negativi ai dipendenti millennial non solo meno dolorosa, ma più produttiva.

Non riuscire ad affrontare le carenze dei millennials è un modo sicuro per supportare la crescente frustrazione cross-generazionale, che è tutt’altro che favorevole a un ambiente di lavoro di supporto. Al contrario, sapere come comunicare con i millennial trasforma efficacemente il feedback costruttivo in un’opportunità di crescita reciproca e, in definitiva, avvantaggia tutte le parti coinvolte, la loro capacità di collaborare tra loro e il successo organizzativo in generale.

Katerina Mery è una specialista di marketing presso Fond con un background in psicologia cognitiva e una passione per migliorare il modo in cui le persone vivono e lavorano. Le piace soprattutto imparare come ottenere questo risultato attraverso premi e riconoscimenti. Nel suo tempo libero, puoi trovare Katerina che corre fuori, ammirando l’arte ed esplorando gli ultimi e più grandi ristoranti locali.

 The Insider's Guide to Employee Recognition-Scarica ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.